Tag Archives: nasce

14jul/17
Thumbnail

La pizzeria Lievito 72 a Trani tra le prime cento in Italia per 50 Top Pizza: è al posto 60!

Lievito 72 Via Andrea Ciardi, 29, 76125 Trani BT Tel.  388 434 6166 www.lievito72.com Giovane pizzeria che, coniugando tradizione ed innovazione, reinventa senza stravolgere il concetto di pizza pugliese. Nasce così una pizza gourmet che riscopre ingredienti semplici da tradizioni antiche, come le farine macinate a pietra mescolate al lievito madre in impasti maturati […]

L’articolo La pizzeria Lievito 72 a Trani tra le prime cento in Italia per 50 Top Pizza: è al posto 60! sembra essere il primo su Luciano Pignataro Wine&Food Blog.

View original post here - 

La pizzeria Lievito 72 a Trani tra le prime cento in Italia per 50 Top Pizza: è al posto 60!

17jun/17
Thumbnail

Nasce la scuola nazionale di formazione Lattiero casearia

21 Giugno 2017 – ore 10 Regie Cavallerizze, via Gasparri 1 Reggia di Caserta Interviene il presidente della Regione VINCENZO DE LUCA Il Consorzio di Tutela della Mozzarella di bufala campana Dop presenta la Scuola nazionale di formazione lattiero casearia, unica struttura del settore nel Centro-Sud Italia. L’obiettivo è da un lato creare i casari del futuro, trasmettendo […]

L’articolo Nasce la scuola nazionale di formazione Lattiero casearia sembra essere il primo su Luciano Pignataro Wineblog.

See the original post - 

Nasce la scuola nazionale di formazione Lattiero casearia

24abr/17
Thumbnail

Dominó Foxtrot 2014

Foi no Parque Natural da Serra de São Mamede (Portalegre) que fomos encontrar Vítor Claro, conhecido pela sua cozinha mas cada vez mais também pelos seus vinhos. Da sua marca mais conhecida, os Dominó, surge nova referência de nome Foxtrot. Nasce de vinhas velhas, situadas a 650 metros de altitude e com uma idade a rondar os 85 anos. Dali utiliza as uvas brancas da vinha que dá origem ao Dominó tinto e parte das tintas que se encontram na vinha do Dominó branco. Parece confuso mas deixa de o ser no exacto momento em que o temos no copo e onde tudo bate certo. Nos seus equilibrados 12% a rusticidade está lá, ao lado da frescura da Serra e de um turbilhão de fruta fresca e bem ácida, lavanda, fundo duro e térreo dos solos ricos em granito. O preço ronda os 10€ e não sendo fácil dar com ele, vale a pena a procura. 91 pts

See more here: 

Dominó Foxtrot 2014

18mar/17
Thumbnail

Le Carni Irpine di Mario Laurino a San Michele di Serino

di Marco Contursi Continuando il nostro giro tra produttori di salumi di qualità, questa tappa ci fermiamo a San Michele di Serino, in una macelleria ormai conosciuta ben oltre i confini irpini: quella di Mario Laurino. Nasce da una famiglia di contadini-allevatori a S. Stefano del Sole, già a 13 anni, insieme ad un mastro […]

L’articolo Le Carni Irpine di Mario Laurino a San Michele di Serino sembra essere il primo su Luciano Pignataro Wineblog.

View original - 

Le Carni Irpine di Mario Laurino a San Michele di Serino

14mar/17
Thumbnail

Morgado de Sta. Catherina Reserva 2013

Nasce na Quinta da Romeira (Bucelas) pertença da Wine Ventures, este Arinto que se pode considerar como um clássico da região, criado pelo enólogo Nuno Cancela de Abreu no início dos ano 90. O vinho que na altura seria a maneira de mostrar a casta Arinto com passagem por madeira, tem seguido fiel à sua matriz com os sempre necessários afinamentos de enólogo para enólogo. Este “novo” Morgado remete para aquilo que sempre foi, um branco que nos mostra a casta Arinto com toda a sua frescura mas que ganha algum peso com a passagem pela madeira, os aromas citrinos e até de alguma folha de limoeiro surgem agora num tom mais gordo a lembrar tarte de limão merengada. Envolvente, a madeira mostra-se presente, secura com mineralidade em fundo, sempre coeso e volumoso, travo de raspa de limão a espicação o palato. Ronda os 10€ e mostra apetência como sempre mostrou para a cave e desde já para a mesa com pratos de peixe ou marisco passado na chapa com molho de manteiga e limão. 92 pts

This article is from: 

Morgado de Sta. Catherina Reserva 2013

18dez/16
Thumbnail

Fior di Ginestra 2011 Pompeiano igt Sorrentino

Tre vitigni coltivati con passione sul Vesuvio: la catalanesca, la coda di volpe e la falanghina. Nasce così il Fior di Ginestra, il passito dell’azienda Sorrentino. Poche bottiglie, appena un po’ più di un migliaio, dolce ma non stucchevole, fresco e lungo con rimandi di caramello, albicocca in conserva. L’anno è il 2011, quasi perfetto […]

L’articolo Fior di Ginestra 2011 Pompeiano igt Sorrentino sembra essere il primo su Luciano Pignataro Wineblog.

Read article here:

Fior di Ginestra 2011 Pompeiano igt Sorrentino

15mar/16
Thumbnail

Hyrpa: nasce la birra 100% made in Irpinia

di Rosa De Angelis Hyrpa. Acqua, malto, luppolo e lieviti: tutto rigorosamente irpino. Nasce la prima birra interamente prodotta e lavorata in provincia di Avellino. Un progetto sperimentale nato dalla collaborazione tra l’associazione “Birrando… si impara” e la Facoltà di Agraria che vanta un Corso in Viticoltura ed enologia proprio nel capoluogo irpino. E proprio […]

L’articolo Hyrpa: nasce la birra 100% made in Irpinia sembra essere il primo su Luciano Pignataro Wineblog.

Originally posted here:  

Hyrpa: nasce la birra 100% made in Irpinia

14mar/15
Thumbnail

Nasce la seta bio. E la certifica Icea

Nasce la seta bio. E la certifica IceaIl Ministero ha approvato il disciplinare per la ‘Gelsicoltura e Bachicoltura Biologica’ creato dall’Istituto Certificazione Etica e Ambientale. E’ il primo in Italia. E avrà applicazioni non solo nel tessile bio, ma anche in cosmesi e nella produzione di mangimi per animali di affezione.

BOLOGNA, 14 marzo 2015 – Nasce la seta bio, e in Italia a certificarla sar Icea. Il Mipaaf ha infatti approvato il disciplinare creato dall'Istituto Certificazione Etica e Ambientale, tra i pionieri del tessile eco e bio in Europa, per la “Gelsicoltura e Bachicoltura Biologica”. Per l'Italia il primo sul tema (finora si poteva far riferimento solo a disciplinari volontari esteri).
Per la precisione, lo schema approvato dal Ministero – e inserito a pieno titolo all'interno del regime di controllo CE per i prodotti bio – si riflette non solo nel settore tessile biologico, ma consente da qui in avanti di poter certificare come da agricoltura biologica il “bozzolo fresco” da destinare anche a quello della cosmesi o alla produzione di mangimi per animali di affezione.
Il disciplinare – realizzato in colaborazione con il Cra-Api Unit di ricerca di apicoltura e bachicoltura di Padova – copre l'intero processo di certificazione del baco, e i prodotti certificabili sono il bozzolo fresco con crisalide viva e il seme-bachi, che dev'essere deposto da farfalle madri allevate con metodo biologico.
Sono normate tutte le varie fasi del ciclo: dalla gestione del gelseto all'origine degli insetti, dalla produzione – quindi condizioni ambientali, alimentazione, profilassi e tutto ci che contribuisce al benessere del baco – all'etichettatura.
Per maggiori informazioni: www.icea.info.

Vini e Sapori: portale di informazione rivolto agli appassionati di enogastronomia con aggiornamenti e notizie fornite da uno staff di amanti del buon vino e dei sapori della buona tavola.
Web: www.viniesapori.net

Taken from:  

Nasce la seta bio. E la certifica Icea

14mar/15
Thumbnail

Nasce la seta biologica. E la certifica Icea

Nasce la seta biologica. E la certifica IceaIl Ministero ha approvato il disciplinare per la ‘Gelsicoltura e Bachicoltura Biologica’ creato dall’Istituto Certificazione Etica e Ambientale. E’ il primo in Italia. E avrà applicazioni non solo nel tessile bio, ma anche in cosmesi e nella produzione di mangimi per animali di affezione.

BOLOGNA, 14 marzo 2015 – Nasce la seta bio, e in Italia a certificarla sar Icea. Il Mipaaf ha infatti approvato il disciplinare creato dall'Istituto Certificazione Etica e Ambientale, tra i pionieri del tessile eco e bio in Europa, per la “Gelsicoltura e Bachicoltura Biologica”. Per l'Italia il primo sul tema (finora si poteva far riferimento solo a disciplinari volontari esteri).
Per la precisione, lo schema approvato dal Ministero – e inserito a pieno titolo all'interno del regime di controllo CE per i prodotti bio – si riflette non solo nel settore tessile biologico, ma consente da qui in avanti di poter certificare come da agricoltura biologica il “bozzolo fresco” da destinare anche a quello della cosmesi o alla produzione di mangimi per animali di affezione.
Il disciplinare – realizzato in colaborazione con il Cra-Api Unit di ricerca di apicoltura e bachicoltura di Padova – copre l'intero processo di certificazione del baco, e i prodotti certificabili sono il bozzolo fresco con crisalide viva e il seme-bachi, che dev'essere deposto da farfalle madri allevate con metodo biologico.
Sono normate tutte le varie fasi del ciclo: dalla gestione del gelseto all'origine degli insetti, dalla produzione – quindi condizioni ambientali, alimentazione, profilassi e tutto ci che contribuisce al benessere del baco – all'etichettatura.
Per maggiori informazioni: www.icea.info.

Vini e Sapori: portale di informazione rivolto agli appassionati di enogastronomia con aggiornamenti e notizie fornite da uno staff di amanti del buon vino e dei sapori della buona tavola.
Web: www.viniesapori.net

From - 

Nasce la seta biologica. E la certifica Icea

02dez/14
Thumbnail

La pizza fritta con il soffritto napoletano di Enzo Coccia è la cosa più buona dell’anno. Ma senza ricotta!

Eccola qua, semplice ed essenziale. Adagiata in un piattino servito alla pizzeria La Famiglia a Parigi per Le Strade della Mozzarella. Nasce da una idea di Enzo Coccia: il tipico soffritto napoletano, ossia interiora di vitello saltate in padella con la conserva di pomodoro, forte ma non fortissimo, chiamata anche zuppa forte. Lui lavora, come [...]

L’articolo La pizza fritta con il soffritto napoletano di Enzo Coccia è la cosa più buona dell’anno. Ma senza ricotta! sembra essere il primo su Luciano Pignataro Wineblog.

Credit: 

La pizza fritta con il soffritto napoletano di Enzo Coccia è la cosa più buona dell’anno. Ma senza ricotta!